Poker Online

Le immagini di cappelli con visiera, whisky e sigari sono indissolubilmente legate al classico gioco della carte del casino. Con così tante varianti quanti sono i tipi di whisky, il gioco è diventato più un'istituzione che un semplice gioco di carte.

Storia

I più moderni giocatori di poker conoscono Texas Hold’em e poco più, ma la verità è che vi sono varianti del poker che furono introdotte nell'antica Cina e in Persia. Il poker ebbe il suo boom sulla scena europea nella Francia del 17esimo secolo con un gioco allora chiamato Poque (dal quale probabilmente deriva il nome attuale).
Come la maggior parte dei moderni giochi da casino, il poker fu portato nel Nuovo Mondo dai coloni francesi. Veniva originariamente giocato a New Orleans ma si diffuse nel selvaggio West con l'espandersi della popolazione prima che diventasse incredibilmente popolare nel corso della Guerra Civile nel decennio che iniziò nel 1860. Fu durante la Guerra Civile che furono dettate molte delle regole attuali del poker e nacquero molte variazioni, come il Draw Poker, lo Stud Poker e il Poker convenzionale.
Il Texas Hold’em fu inventato nella città di Robstown, nel Texas del Sud, all'inizio del 20esimo secolo, ma il suo successo lo decretò un piccolo casino di Las Vegas: il Golden Nugger, nel 1967. Due anni dopo il Dune Casino tenne un torneo di Texas Hold’em e fu in questa occasione che attrasse l'attenzione.
Nel 1970, i fratelli Binion acquisirono la Fraternity Convention e la convertirono nella World Series of Poker, che attualmente è senza dubbio il più grande torneo di poker al mondo. La loro decisione di utilizzare il Texas Hold’em per l'evento principale ebbe conseguenze sull'intero settore.
Grazie alla WSOP e alla sua esposizione mediatica, il Texas Hold’em divenne la forma più popolare di poker nel mondo. Questa posizione si rafforzò con l'arrivo di internet alla fine del 20esimo secolo, che permise a milioni di persone di tutto il mondo di divertirsi con il poker online nella variante Texas Hold’em.

Terminologia

Il seguente dizionario incude termini basici del glossario del poker e alcuni specifici del Texas Hold’em.
Blinds (al buio): Scommesse obbligate fatte dai due giocatori che si trovano a sinistra del mazziere (la persona seduta immediatamente vicino al mazziere fa una "small blind", quella a suo fianco fa una "big blind").
Bluff: Tattica per la quale il giocatore scommette su una mano debole per spingere coloro che hanno carte migliori fuori dal gioco.
Buy-in: Il valore che un giocatore deve versare per prendere parte a una partita.
Community Cards (Carte Comuni): Nel Texas Hold’em, 5 carte scoperte sono a disposizione di tutti i giocatori.
Flop: Il primo round nel quale 3 carte comuni sono consegnate.
Colore: Cinque carte dello stesso seme.
Hole Cards: Due carte consegnate al giocatore.
Coppia: Due carte dello stesso valore, ad esempio una coppia di 4 o una coppia di Assi.
Pot (Piatto): Il valore totale delle scommesse fatte in una mano.
Rake: Commissione trattenuta dalla casa su ogni piatto. Questo è il metodo con il quale la casa guadagna dal poker.
River: La quinta e la ultima carta comune.
Giro di Scommesse: I giocatori possono scegliere tra 4 opzioni a ogni giro di scommesse: passare, vedere, rilanciare o lasciare.
Scala Reale: La miglior mano possibile nel poker, composta da una scala dello stesso seme, come ad esempio: asso, re, regina, jack e 10 tutti di spade.
Scala: Cinque carte consecutive di qualunque seme, ad esempio: jack, 10, 9, 8 e 7.
Tris: Tre carte uguali, come tre re, tre jack o tre 4.
Turn: La quarta carta comune a essere distribuita.

Regole

Una partita di Texas Hold’em comincia con il mazziere (o un giocatore) che mescola un mazzo standard di 52 carte. Il giocatore a sinistra del mazziere fa uno small blind (metà del minimo della scommessa) e quello al suo lato un big blind (equivalente alla scommessa minima). Il mazziere consegna due carte coperte a ogni giocatore, iniziando con quello alla sua sinistra.
Il primo round di scommesse inizia, cominciando con il giocatore alla sinistra del big blind e continuando in senso orario. I giocatori possono passare (se hanno già raggiunto la posta sul tavolo), vedere (aggiungendo denaro alla posta per arrivare alla scommessa massima), rilanciare (scommettere di più della scommessa massima) o lasciare (rinunciare alla mano perdendo quanto scommesso in precedenza).
È il momento del flop, il mazziere mette la carta principale sul tavolo e gira tre carte comuni. Un altro giro di scommesse inizia, partendo dal giocatore alla sinistra del mazziere. Poi tocca al turn (quarta carta comune) e vi è un altro giro di scommesse e il river (la quinta carta comune) e con essa il round finale di scommesse prima che i giocatori mostrino le carte.
Se due o più giocatori restano nel gioco dopo il river, il mazziere rivela le cinque carte comuni e si determina il vincitore. Il vincitore è il giocatore con le cinque carte migliori (utilizzando due carte coperte e cinque carte comuni).
Le migliori mani, in ordine di importanza, sono:
Scala reale: Scala con un asso dello stesso seme.
Scala Colore: Una mano contentente cinque carte consecutive dello stesso seme.
Poker: Mano che contiene quattro carte dello stesso valore e un'altra carta.
Full: Mano che contiene tre carte dello stesso valore e altre due dello stesso valore.
Colore: Mano che contiene cinque carte diverse ma dello stesso seme.
Scala: Cinque carte in sequenza di diversi semi.
Tris: Mano nella quale tre carte hanno lo stesso valore mentre due no.
Doppia Coppia: Mano nella quale ci sono due coppie di carte con lo stesso valore e un'altra carta.
Coppia: Mano nella quale due carte hanno lo stesso valore.
Carta più Alta: Se nessuno ha una coppia o qualcosa di più, il gioco viene vinto dal giocatore che ha la più alta carta singola (a partire dall'asso).

Strategia

Come tutte le varianti del poker, il Texas Hold’em è un gioco il cui la matematica, i bluffs e le strategie più avanzate ti aiuteranno a vincere. Se sei un principiante, però, inizia con le strategie di base per comprendere quando è possibile giocare o quando è meglio aspettare la mano successiva.
Come regola generale, se ti ritrovi con due carte che non sono una coppia, e il cui valore è meno di 10, le possibilità di vincita sono basse. Se invece hai in mano una coppia o almeno una carta che vale 10 o più, potrebbe valer la pena continuare a giocare e vedere cosa capita. Il resto sta nel giudicare bene i rischi e i costi, considerando le carte che hai in mano e la somma da spendere per rimanere in gioco. A volte vale la pena investire un poco di più e scoprire cosa succede, altre volte è meglio rimandare e aspettare carte migliori.

Consigli

  • Non giocare tutte le mani. Siamo tutti competitivi (soprattutto i giocatori di poker) ma la legge della probabilità vuole che non vincerai ogni mano. Gioca le mani che puoi vincere, è importante sapere quando lanciarsi e quando detenersi. 
  • Non intestardirti a giocare una mano solo perché ci hai già investito tempo e denaro. Questa regola si applica al poker come alla vita. Se le tue carti non sono eccezionali e il tuo concorrente ha alzato la posta alle stelle, dovresti considerare la tua scommessa iniziale come un costo. 
  • Mantieni la calma. I migliori giocatori di poker non si arrabbiano mai. Rimangono freddi, hanno le idee chiare e mantengono lo sguardo sul tavolo e sui loro avversari. 
  • Annotati le carte comuni. Appartengono a tutti quindi, se ti concentri abbastanza, potrai sapere non solo le migliori cinque carte potenziali che puoi ricevere ma anche le migliori combinazioni che possono avere i tuoi avversari. 

Vedi anche

Sì! Voglio scoprire i bonus esclusivi, le promozioni e le novità.